7 Nov

“La cultura è un bene comune primario come l’acqua”

Il Comitato Arci Teramo da più di un anno partecipa al malessere e alla sfiducia condivisa con altri operatori dinanzi alla quotidiana gestione emergenziale di qualsiasi evento amministrativo. Ci interroghiamo da tempo su come sia possibile coniugare una programmazione culturale con i relativi risvolti sociali in un territorio che ogni giorno è sempre più ripiegato su se stesso.

La crisi, inaugurata con il terremoto, seguita dall’emergenza maltempo e da quella idrica, pensiamo debba essere vissuta come una occasione ed una opportunità per voltare pagina e ricostruire un nuovo modo di vivere il presente ed immaginare il futuro.

Con queste motivazioni, come componenti “dell’Osservatorio Indipendente sull’Acqua del Gran Sasso”, abbiamo chiesto tramite un appello pubblico rivolto agli Artisti di prendere parte ad una campagna che li veda protagonisti e non spettatori.

Sentiamo l’obbligo di rivolgere un ringraziamento pubblico al pianista concittadino, socio e primo firmatario dell’Appello Arturo Valiante che con spregiudicatezza sincopata si è reso disponibile come  testimonial dell’iniziativa.

Dinanzi alla difesa di un bene così importante come l’acqua non possiamo restare a guardare in silenzio ma serve da parte di ognuno l’impegno a farsi carico secondo le proprie possibilità e capacità .

Rendiamo dunque oggi pubblico l’appello che in questi mesi potrà essere sottoscritto da artisti locali e non, perchè la tutela di una risorsa, quale il bacino idrico del Gran Sasso, non è e non può essere considerata una questione provinciale ma divenga una priorità nazionale.

Consiglio Direttivo Arci Teramo

Di seguito l’appello:

Artisti Per l’Acqua Trasparente”

La cultura è un bene comune primario come l’acqua”

Claudio Abbado

Dinanzi agli ultimi sversamenti di solventi che si sono verificati il 2 settembre 2016 e il 9 maggio 2017, con il conseguente divieto d’utilizzo dell’acqua per uso potabile e non solo in tutta la provincia di Teramo.

Dinanzi a 16 anni di attesa e a più di 80 milioni spesi per la messa in sicurezza, del più grande bacino idrico del centro-italia, mai avvenuta.

Dinanzi alle due potenziali fonti inquinanti, l’Autostrade dei Parchi e l’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, che fingono di non avere responsabilità e con l’assunzione di un comportamento pilatesco delle istituzioni e di tutti gli attori coinvolti.

Dinanzi alla memoria corta di chi ha già dimenticato il trimetilbenzene del 16 agosto 2002 e la proposta della realizzazione del terzo traforo, avanzata dall’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, scongiurata solo dalla mobilitazione di tanti abruzzesi.

Dinanzi ad un territorio colpito dall’inquinamento e dal dissesto idrogeologico.

In quanto rappresentanti del mondo dell’Arte sottoscriviamo questo appello perché riteniamo che i nostri linguaggi contemplino ed articolino quotidianamente la “bellezza” in tutte le sue forme e in tutte le modalità con cui la rappresentiamo.

Crediamo che il Gran Sasso d’Italia, il bacino idrico, la magnifica biodiversità siano un bene Nazionale da tutelare e difendere ed è per questo che come Artisti svolgiamo il nostro compito sociale educando alla bellezza che significa educare a non rassegnarsi all’esistente, allo stato presente delle cose.

Aderiamo all’appello, partecipando alla manifestazione del giorno 11 novembre 2017 a Teramo indetta da “l’Osservatorio Indipendente dell’Acqua del Gran Sasso”, per la tutela e la messa in sicurezza definitiva di un vitale ed essenziale bene comune universale come l’acqua che fin da piccoli ci hanno insegnato essere trasparente.

Firmatari:

Arturo Valiante Pianista

Grazia Scuccimarra Attrice

Bruno Marcozzi Batterista

Elisa D’Eusanio Attrice

Silvio Araclio Attore Direttore Compagnia Teatrale Spazio Tre

Fabrizio Leonetti Clarinettista 

Mauro Di Girolamo Attore

Eleonora Coccagna Direttrice ACS Abruzzo Circuito Spettacolo

Pierpaolo Candeloro Sassofonista

Compagnia Gli Sbandati Compagnia Teatrale

Loskit Orkestra Gipsy Balkan Music

Per tutti coloro volessero sottoscrivere è sufficiente inviare una email all’indirizzo: presidenza@arciteramo.it